lunedì 28 marzo 2011

Paella di pollo


Ebbene sì, per la prima volta mi sono ritrovata a cucinare qualcosa molto simile ad un risotto senza pentola a pressione... ma con tanto di paellera valenciana doc in casa, come avrei potuto? Quindi mi sono armata di santa pazienza e ho fatto questa paella con verdure e pollo, bella sostanziosa, con la consapevolezza di doverle stare dietro dalla a alla z... che poi è questo il bello della pentola a pressione, una volta che fischia, si calcola il tempo necessario alla cottura e la si lascia andare facendo altre cose! Ma vabbè, questo non è il momento per declamare i pro della pentola a pressione immagino, comincio col darvi al solito gli ingredienti della paella.

Ingredienti
2 carote
1 peperone rosso
piselli q.b. (onestamente, surgelati per praticità)
1 scalogno
4 petti di pollo
260g di riso carnaroli
2 bustine di zafferano
800ml di brodo vegetale
vino bianco q.b.
sale q.b.
olio q.b.
pepe nero q.b.

Preparazione
Lavate e mondate tutte le verdure e fatele a dadini. Fate  la stessa cosa con il petto di pollo, sciacquatelo, asciugatelo con cura e tagliatelo  tocchetti non troppo piccoli. Nel mentre preparate il brodo vegetale facendo riscaldare dell'acqua in un pentolino facendo scioglierci dentro un dado vegetale.
Iniziate a far riscaldare nella paellera l'olio e fateci subito imbiondire lo scalogno. Unite il pollo, fatelo colorare su tutti i lati di ciascun tocchetto, quindi unite i piselli, poi le carote. A questo punto unite il riso con il sale, fatelo tostare, aggiungete anche il peperone e sfumate con abbondante vino bianco. Pepate un pochino, quindi iniziate ad aggiungere il brodo, aggungetelo a poco a poco, ogni qualvolta che il riso lo avrà assorbito. Nell'ultimo goccio di brodo, stemperate lo zafferano, ed unite anche lui alla paella. Mescolate, assaggiate di sale e aggiustate nel caso in cui fosse necessario. Una volta cotto il riso,spegnete il fuoco e mangiate a volontà.

5 commenti:

  1. Io il riso lo tosto e lo sistemo tutto per bene, senza risottarlo, così poi ho modo di sistemare tutto l'addobbo in bell'ordine, sbaglio?

    RispondiElimina
  2. che meraviglia!! complimenti!

    RispondiElimina
  3. io cuocio tutto insieme in modo che i sapori si mescolino per bene, ma certo ognuno ha la sua tecnica. anche a me piace vedere i piatti in un bell'ordine comunque, sono d'accordo con te!
    @ a federica: grazie e buona giornata!

    RispondiElimina
  4. Bella ma non e' Paella (la rima e' irresistinile), e' risotto.

    La paella si cuoce in forno, con una padella senza componenti in legno o plastica.

    Ciao

    RispondiElimina
  5. La paella ha origini antiche dove il forno non centra nulla .. Si chiama cosi perche si cuoce e si mangiava direttamente in padella!!

    RispondiElimina